logo vongola vongolenapulitane ©

 

 

home

vongole

strafalcioni napoletani

foto strane

i napoletani e i musei

i tesori nascosti

i fòndachi

Napoli in particolare

folklore e tradizioni

scoprire la Campania

Napoli per immagini

Napoli in video

modi di dire napoletani

vocabolario dei bimbi

teatro napoli

una goccia di poesia

vignette

le voci di napoli

scritte glitter

biglietti di auguri

sfondi pc

gif animate

siti da visitare

passatempo

segnala un sito

vongol@blog

 

 


vongolenapulitane

 

 
           

 

Una goccia di poesia:spirito napoletano in versi

 

        di Gianna Caiazzo       

           
   

© 2007-2010 I testi sono proprietà dell'autrice Gianna Caiazzo e non possono essere modificati.

La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, sono vietate per uso commerciale

e laddove non venga espressamente indicato il nome dell'autrice.

   
         

Guardale in jpeg! (napoletane)

Guardale in jpeg! (italiane)

Guarda la raccolta completa sul blog dell'autrice.

         
                                           
           

Fantasia.

Chell'ogna 'e luna cu 'a stelletella areto

me pare 'na parura 'e giujelliere

'a luna d''o mmetallo cchiù llucente

'a stelletella d''a cchiù preziosa preta.

 

 

  21 maggio 2mila9

           
           

'A voce 'e ll'anema.

Nun so' pueta, nun songo 'nu scrittore,

nunn'è 'nu nomme, ca t'accarezza 'o core

ma sti pparole ca scorreno 'int'ê mmane,

se fanno museca e vvolano luntano.

 

 

  3 maggio 2mila9

           
             

Fessobbucco

Uno 'e 'sti juorne me scrivo a Fessobbucco,

m'avoto e ggiro e 'o veco a tutte parte,

vogl'ì cercanno tutta chella ggente

c'aggio perduto tantu tiempo fa.

 

M'aggia 'ntallià pur' io 'nu paro d'ore,

ì spuculianno dint'ê fatt'’e ll'ate,

aggia 'nfizzà 'nu nomme dint'ô spazzio

e aggia vedè 'a risposta ca me da.

 

Voglio capì comme s'è ffatto chillo,

a chi cunosce chella tala perzona,

quanta cumpagne tene 'a cumpagna mia,

'e tutte cose me vogl'ì a 'ntricà.

 

Aggia parià 'ncopp'ê bbacheche 'e ll'ate,

vaco scrivenno quatto fessarie;

'na resatella 'na parola 'e spiccio,

pure 'e nnuttate nce voglio passà.

 

'Int'ô prufilo metto 'a fotografia:

tutt'’a famiglia cu mmugliera e ffiglie,

pecchè chi 'a vede nun se fa illusione,

songo ‘mpignato e nun se pò allargà.

 

Nun me voglio sentì 'nferiore  a ll'ate,

me votto dint'ô uebbo e statte bbuono,

aggi' apparà na migliarata 'e ggente

e tutt'’e juorne me l'aggia ì a cuntà.

 

Me voglio fà  p'amice 'e meglie nomme,

nun me ne 'mporta si nunn 'e ccunosco,

'o nnicessario pe mme è ca quann'’o ddico

'a tutte quante m'aggia fà mmirià.

 

E nun fa niente si faticammo 'nzieme,

si 'e 'ncontro tutt'’e juorne 'ncopp'ô posto,

si a quaccheduno quanno 'o veco 'o scanzo,

ma dint'â fessobbucco nce hadda stà.

 

'Stu grande parlamiento virtuale

è 'na 'mmenzione ca me piace assaje,

parlà 'a vicino mo s'è ffatto antico,

i' so' mmoderno, che nce pozzo fà?

     

  1 maggio 2mila9

             
                                           
             

'O scarto

Patatè stamme 'a ssentì

pecchè 'o ssaccio ca me siente

nun me fà recchie 'e mercante

a quatt'uocchie amma parlà.

 

E vabbuò staje 'ndaffarato

ma nun t'aggio chiesto niente

sulamente 'na preghiera

'nu minuto me l'he ‘a dà.

 

Forse mo nunn'è 'o mumento

stanno cose cchiù ‘mportante

i' mo t''o 'ccummencio a dicere

po’ decide tu ch’ ê 'a fà.

 

Scanzame d’â ggente 'e niente

d’ ê mmeriuse e d’ ê ssanguette

'a chi fa 'na bella faccia

e ss'avota a rrusecà.

 

Scanzame d’ ê sicciaiuole

ca t'asseccano 'int'all'osse

‘a chi pare muchiosurdo

ma è 'o peggio ca ce sta.

 

dice ca sto' esaggeranno

ch' ’iss’’a rimmanè tu sulo?

tu accummience a ffà 'stu scarto

po’ vedimme chi ce 'a fa.

 

 28 aprile 2mila9

             
               

'E llancette.

Se cagnano e sse scagnano

Comm’a ddoje guardie â reggia

se 'ncontrano, se scontrano

mo girano p''o llargo

marciano passo passo

se 'mpontano all'attenti

se passano 'a cunzegna

se mettono 'e rimpetto

mo fanno n’atu turno

'o giro se ripete

'a longa corre annanze

'a piccerella areto.

                                                       

 

 17 aprile 2mila9

               
           

'A surpresa

Te sto' fettianno 'a quanno sì arrivato,

cu 'stu vestito a ffiore e 'a nocca 'nganna,

te sì ppiazzato dint'ô meglio posto

addò è sicuro ca sarraje guardato.

 

E i' te guardo, mentre passo e spasso,

nun te pozzo levà chist' uocchie 'a cuollo,

'a tentazione è fforte e mme turmenta

'o desiderio cresce e nun me lassa.

 

I' già te veco annuro 'int'a 'sti mmane,

te sbatto forte primm'’e te fà mio,

vurria sapè che t'annascunne dinto,

'e tutto chesto po che mme rummane?

 

Spero ca nun me daje 'na delusione

comm' hanno fatto ll'ate primm’'e te:

tanti pprumesse, tanti bbelli pparole

ma po nun m'hanno dato nient'’e buono.

 

Certo però, stavota nun ce casco,

i' cerco 'e nun me fà tropp' illusione.

Stavota ovèro nun m'aspetto niente

a ccunte fatte sì ssulo... n'uovo 'e Pasca!

 

                    

   6 aprile 2mila9

           
           

Arriva 'o juorno

'Nu paro 'e pennellate niro funno

schizziat’'e janco 'ncopp'a 'nu foglio 'e cielo

cummoglia 'e suonne 'e 'nu munno d'uocchie

ancora chiuse dint’ô suonno d'’a sera.

 

'Na sbavatura 'e russo saglie chiano

s'appoja 'ncopp'ê palazze e rrompe 'o nniro

s'arrampeca addò 'e stelle ancora lùcene

'e stuta a una a una e ll'annasconne.

 

'A luce a ppoco a ppoco allaga 'a notte

pazzèa cu 'e ttinte c'ha 'mprestato ô mare

tutt’a 'nu tratto 'na vampata d'oro

s'appiccia 'int'ê ffeneste e abbruscia ll'aria.

 

 3 aprile 2009

           
           

'O Genius Loci.

Se dice c'ogne posto tene n'anema

'na linfa ca lle scorre 'int'ô tturreno

'a forza 'e 'nu richiammo misteriuso

c'ammalia comm'ô canto 'e 'na Sirena.


 

'Nu ffuoco ca te marca quanno nasci

'na fiamma c'arde senza fà rummore

'na cosa forte comm’a 'na catena

ca t'arravoglia fino a ca nun muore.


 

Se chiamma Genio ma nunn è cumm'a fiabba

ccà nun 'mbruscin’'a lampa e tt'accumpare

ma s'annasconne, se 'mpregna dint'ô core

nun sì ppadrone, ccà sì ttu 'o schiavo!

 

                           

 

  28 marzo 2mila9

           
                                           
           

‘O giesummino.

'Nu juorno cammenanno pe 'na via

‘e ‘sta Napule scassata e malridotta

m’acchiappaje ‘na tala pucundrìa

chisà pecchè, nemmeno m’arricordo.

Ma mo se ben ci penso potè darsi

‘a puzza forte d’'e ssacchette sparze.

Poco più innanzi sembrava gareggiare

con insistenti olezzi intermittenti e fini

‘nu giovane cespuglio ‘e fiori ‘e giesummine

ca me pareva ‘e dicere: “nun ce sta niente ‘a fà,

‘a puzza ‘e ‘sta munnezza nun se po’ sopraffà.”

M’amareggiai talmente a questa triste scena

pecchè chillu cespuglio assaje faceva pena

e tra me e me penzaje :

“Chisà si ‘ntiempo veneno a ss’'o ppiglià ‘e spazzine

o murarrà asfessiata ‘sta pianta ‘e giesummine?”

 

                                                          

16 settembre 1985

           
           

'A penna

 

Dicette ‘a penna: “Aggia cagnà mestiere

me sento stanca, moscia, sfaticata

‘a quanno è asciuta ‘mmiezo ‘sta tastiera

me pare ca me vo' dissuccupata.

 

Primma zumpavo allerta ogne minuto

‘a nota, ‘o cunto, ‘a lettera, ‘e llezzione

‘a quanno hanno ‘nventato ‘sta curnuta

nun so’ cchiù ‘a stessa, so’ ghiuta ‘n depressione!

 

Dint’all’ufficio po nun ne parlammo

ero ‘a patrona e t’’a cummannav’io

mo sto’ jettata tra làppese e gomme

tutt’a jurnata ‘ncopp’ â scrivania.

 

P’ ’e fatte tuoje però vuò ascì cu mme

so’ stata zitta  e te n’ hê apprufittato

quann' è ‘o mumento t’aggia fa vedè

Saje che te dico? Mo me so’ seccata! "

 

 31 gennaio 2mila9

           
 

Uocchie dint’a guerra

Dedicata ai bambini

delle guerre di tutti i tempi.

Uocchie sperdute

dint’â pazzia d’’o munno

dint’ê mmane d’’e gruosse

c’accussì gruosse nun songhe.

 

Uocchie stutate

dint’â luce d’’o juorno

‘ncopp’â  strada d’’a vita

‘ncopp’ ô suonno ‘e 'nu suonno.

 Uocchie sgranate

dint’ô scuro d’’a notte

‘nfaccia â faccia d’’a morte.

Uocchie…uocchie ‘nfuse

‘ncopp’ â miseria ‘e ll’ommo.

 

  14 gennaio 2mila9

 

'O 31 'e Dicembre

Embè i' nun capisco tutte ll’anne

pecchè t’aggia vedè a ppucundrìa,

stu brivedo ‘int’’e rine fino abbascio

c’haje voglia a tt’arrugnà ma nun te passa.

 

'Nfra poco è mmezanotte e mme ne vaco,

ma nun me spiego 'e llacreme ‘int’all’uocchie:

Te fa piacere? Te fa malincunìa?

Pecchè stasera ‘o core nun risponne?

 

So' ssulo nummero ‘ncopp’ ô calannario,

Dicembre scritto ‘ncapa e 'o juorno 'a sotto;

te faccio specie ‘o ssaccio, songo l’urdemo

ma ‘o tiempo, dint’all’anema, è ttutt’uno

 

 

   30 dicembre 2mila8

 
     

Longa longa

'Na poesia longa longa, longa,

chiena 'e parole, longa, longa longa,

si me scervello m' ’a pozzo 'nventà

ma longa longa nunn 'a saccio fà.


 

Ce aggio penzato ma nun ce riesco

nce metto 'e strofe 'a rima e quacche punto

me sforzo, sì, però me rendo conto

ca chistu bbroro nun se pò allungà.


 

Forze sarrà pecchè m' ’e 'nvent’ 'e notte

cu ll'uocchie apierte dint'â stanza ô scuro

mo aggio capito pecchè 'e ffaccio corte:

me piglia 'o suonno e ppo ll'aggia taglià!

 

  21 novembre 2mila8

 
                       
 

Nun me pare ajere

Vint'anne 'nzieme a te, vint'anne 'e vita

ma nun me pare ajere si m'avoto

 

invece 'e vveco a uno a uno 'e juorne

d'ammore, arraggia, malo tiempo e sole

 

ma sempe 'nzieme, sempe ‘nnammurate

partì d'ajere me pare nu peccato.

 21 novembre 2mila8

   
                       
           

'O lavoro mobbilita ll’uomo.

 

'O lavoro me fa male

ll'aggio ditto e vv'’o rripeto

si nun fosse p'’a campata

mommò me tirasse areto.

Haje a che ffà cu mille cape

chi 'a vo' cotta e chi ‘a vo' crura

tutt'’e juorne 'a stessa storia

tutt'’e juorne 'na jattùra.

Si acchiappasse dint'ê mmane

chi ha 'nventato 'sta cundanna

lle dicesse dint'a ll'uocchie

chello ca me sento 'nganna.

Neh, titò, te riende conto

'e che t'hê fidato 'e fà?

S'era faticà pe vvivere

mo campammo a ffaticà!

 

 11 ottobre 2mila8

             
           

Autunno

Settembre,'a culla d''a frennesìa d''a staggione.

 

 

   21 settembre 2mila8

             
       

San Gennaro ha fatto ‘o miràculo!

San Gennaro ha fatto 'o ssuojo, mo me pozzo arrepusà

mo me sento cchiù tranquillo, quassì cosa aggi' affruntà

 

quatto passe 'int'ô burdello, mo me pozzo arrecrià.

Nu curteo 'e dissuccupate? E va bbuò facit' 'e ffà!

 

Tutt’ 'o traffico bloccato? Ma che v'arraggiate a ffà?

Si mo chiove e v'allagate? N'arremiedio ce starrà!

 

San Gennaro nce ha penzato, mo sì ttu ca t' hê arrangià!

19 settembre 2mila8

       
                                           
                         

‘A pizza.

 

Ggiesù, 'na rota 'e pasta

no piecuro o pullasto

si staje riuno o sazio

che te pò cumbinà!

N'addora 'e pummarola

chiena 'e vasenicòla

'o stommaco s'arape

quanno 'a sient'’e passà.

'Na lava 'e muzzarella

'nu sciuscio 'e gravunella

'sta rota 'e pasta e ccore

m'ha fatto 'nnammurà.

 

18 aprle 2mila8

   
   

‘O pavone.

Tu sì ppavone e vvaje facenno 'a rota

chiena 'e culore 'sta cora l'he rignuta

ma i’ veco ca siccomme fa 'a primm'acqua

chesta curella t'addeventa sciacqua.

10 febbraio 2mila7

     
                             
                                           
           

 

'A mmiria.

'A mmiria è comm'â tossa nun se po' ttrattenè

te trase dint'all'osse si n’ato è meglio 'e te

te fregne dint'â panza ma nunn'o ddaje a vvedè

-Ma comme, tene cinche e i' invece tengo tre?

E mo che ce aggia dicere? che mm'avessa 'nventà?

Cu ’a vocca ll'acqua vino pozzo fà addeventà!

Embè, saje che te dico? Siente 'sta nuvità:

ajere cacaje strunzo, mm'ascette 'nu bbabbà!-

 

  5 dicembre 2mila7

           
   

Eterna contraddizione

Napoli, eterna contraddizione.

Sfacciatamente unica, meravigliosamente unica, vergognosamente unica.

Napoli, eterna contraddizione, croce e delizia, dolce odio, disperato amore.

Napoli,verità assoluta, culla e tomba della mia mente, della mia vita.

 

 

22 agosto 2mila7

   
       

 

‘E tifosi.

 

A Napoli, vulite fà 'a rivoluzione? Levatece 'o pallone!

Sulo tanno v''e ttruvate 'mmiezo 'a strada assatanate.

Nun se joca? ‘O stadio è chiuso? Sta cadenno? 'O campo è 'nfuso?

S'arruvinano 'a jurnata, tutt' 'a vita è scumbinata.

 

Quanno parlano tra amice? Vuje ll'avisseva sentì!

Troppo lento… troppo forte… nunn ha visto proprio 'a porta!

Operai, dissuccupate, pisciavìnnole e dottori

nun ce sta cchiù differenza: songhe tutte ALLENATORI !!

3 giugno 2mila7

       
             

 

A ggente.

Dint’a 'nu vico piccerrillo e scuro

'ncurniciato 'e balcune d'ogne ttaglio

me trovo ogne ghiuorno 'a llà passanno.

Ogne ghiuorno passanno votto ll'uocchio

e nce veco 'na calma e 'na cuieta

ma nun m'addono ca stanno areto ê vetre

a tte squadrà d'annanze fino areto.

 

settembre 1985

             
                                           
     

Hai gradito queste poesie? Mi piacerebbe saperlo.

Inviami un segno del tuo apprezzamento usando la mail che trovi nella colonna di sinistra!

 

     
   

©2007-2010 I testi sono proprietà dell'autrice Gianna Caiazzo e non possono essere modificati

La riproduzione,la pubblicazione e la distribuzione,sono vietate per uso commerciale

e laddove non venga espressamente indicato il nome dell'autrice.

Dirirtti riservati sull'intero contenuto della pagina