logo vongola vongolenapulitane ę

 

 

home

vongole

strafalcioni napoletani

foto strane

i napoletani e i musei

i tesori nascosti

i f˛ndachi

Napoli in particolare

folklore e tradizioni

scoprire la Campania

Napoli per immagini

Napoli in video

modi di dire napoletani

vocabolario dei bimbi

teatro napoli

una goccia di poesia

vignette

le voci di napoli

scritte glitter

biglietti di auguri

sfondi pc

gif animate

siti da visitare

passatempo

segnala un sito

vongol@blog

 

 


vongolenapulitane

 

 
         
 

F˛ndaco dall'arabo funduq, magazzino. Nelle cittÓ di mare indicavano, sin dal medioevo, dei luoghi, di proprietÓ di ricchi signori o associazioni caritatevoli, messi a disposizione

dei mercanti stranieri per farvi depositare le loro merci, godendo di agevolazioni doganali

e dove questi presero poi sinanche a dimorarvi.

Si trattava di edifici decadenti  poco alti con ingressi bui e spesso senza finestre che si affacciavano su di un cortile circolare a cui si accedeva, solitamente, attraverso un archetto, una sorta di supportico pi¨ o meno profondo.

Col tempo, la cronica carenza di abitazioni, fece si che la gente si spingesse ad occupare questi spazi adattandosi alla meno peggio anche alle situazioni pi¨ terribili come la quasi totale assenza di servizi igienici. Uno solo il bagno, in comune e  sversava all'aperto, nel cortile. Topi, insetti, malattie la facevano da padroni. Simbolo di degrado a tal punto che una donna volgare e sguaiata veniva fino a pochissimi anni fa ancora definita  femmena funnachŔra  (abitante del f¨nneco, il f˛ndaco).

Sparsi in tutti i quartieri della cittÓ, nell'ottocento ne furono censiti 100(molti, poi, demoliti col risanamento), negli anni  cinquanta poco piu' di 60.

Ma quanti e quali f˛ndachi attualmente sopravvivono nella cittÓ e come sono diventati? Anche a seconda dei quartieri in cui si trovano li vediamo ora ristrutturati, ora trasformati in condomýni con l'archetto di ingresso chiuso da un portone, ora tristemente quasi cristallizzati nel tempo.

Grazie all'impegno profuso dall'autore degli scatti nella loro ricerca, vongolen@pulitane  Ŕ in grado di offrirvi  una serie di immagini di come sono oggi.

 

 

 

 
 
    fondaco san gregorio armeno napoli   fondaco san gregorio armeno   fondaco cavaiole napoli  
 

f˛nd.S.Gregorio Armeno

 

f˛nd.S.Gregorio Armeno

visto dall'interno

 f˛nd.Cavaiole

 

 
    fondaco san giovanni in porta napoli   fondaco montepiccolo   fondaco perrone napoli  
 

f˛nd.S.Giovanni in porta

 

f˛nd.Montepiccolo

 

 

f˛nd.Perrone

 

 
         
 

f˛nd.S Paolo

f˛nd.S.Sofia

f˛nd.Limoncella

 
 

 

 

 

 

   
                   
     

  O' f¨nneco verde.

Chist'Ŕ 'o F¨nneco verde abbascio 'o puorto,

Add˛ se dice ca vonno allarga':

E allargassero,si,nun hanno tuorto,

Ca ccÓ nun se po' manco risciata'!

 

Dint' a stu vico 'ntruppecuso e stuorto

Manco lu sole se ce po' 'mpezza',

E addimannate:uno sulo c'Ŕ muorto

Pe lu culera de dduie anne fa!

 

Ma sta disgrazia-si,pe nu mumento,

Vuie ca trasite-nun ve pare overa:

So' muorte vinte?Ne so' nate ciento.

 

E sta gente  'nzevata e strellazzera

Cresce sempe,e mo so' mille e treciento

Nun Ŕ nu vico.E' na scarrafunera.

                Salvatore Di Giacomo (1860-1934)

   
 

ę 2007-2011 Le foto sono  proprietÓ di Vittorio Sosero, i testi di Gianna Caiazzo.

 Tutti i diritti riservati sull'intero contenuto di questa pagina.