logo vongola vongolenapulitane ©

 

 

home

vongole

strafalcioni napoletani

foto strane

i napoletani e i musei

i tesori nascosti

i fņndachi

Napoli in particolare

folklore e tradizioni

scoprire la Campania

Napoli per immagini

Napoli in video

modi di dire napoletani

vocabolario dei bimbi

teatro napoli

una goccia di poesia

vignette

le voci di napoli

scritte glitter

biglietti di auguri

sfondi pc

gif animate

siti da visitare

passatempo

segnala un sito

vongol@blog

 

 


vongolenapulitane

 

 

      ...sta danno 'a voce...    

I pittoreschi richiami dei venditori ambulanti pervadono le strade, si soffermano

 agli angoli dei vicoli, si imprimono nella nostalgia dei nostri ricordi.

   Musicali espressioni di cultura popolare, molte perdute nel tempo, altre sopravvissute

 alla modernitą, caratterizzano tuttora la frenetica vita dei mercatini e delle vie della cittą.

 

                           
     

jamme ca io 'o tiro..chisto è 'o dito chesta è a mana chisto è 'o culo d'o' panaro!

     
     

Grida, la riffatrice, mostrando la mano vuota prima di estrarre il numero dalla tombolella che sta agitando.

     
    'e pepe 'e jammere!

Vendeva novellame di gamberi da consumare crudi con sale e limone. L'analogia con i grani

di pepe č data dalla grandezza dei gamberetti.

   
       

E' il venditore di noci fresche

all'angolo della strada.

rumpite,rumpite!

     
     

saponaro- robba vecchia!

'O sapunaro ritira, anche a domicilio, oggetti

e mobilio usati. Una volta, se il mobilio era riutilizzabile, ci scappava anche un piacevole rimborso. Una volta.

   
     

La Domenica, un carretto sotto casa vende pesce a chi non ha voglia di uscire.

calamare e treglie!

     
      mo so' bbone mo che ha chiuoppete!

E' il consiglio del venditore di fichi, che sembrano essere migliori se raccolti

dopo la pioggia.

   
     

Girava in lambretta con dietro una

cassa ricoperta da un telo.

Richiamava con un campanellino operai

e commessi nell'ora della pausa pranzo

per deliziarli con il famoso pagnottiello.

 

so' ccavere ca'!

     
         

furtunato tene 'a rrobba bella nzogna nzo'

       
         

Chi non ha mai almeno sentito parlare di Fortunato,

storico tarallaro napoletano e del suo famoso richiamo?

       
      chi tene 'e buone donghe 'o sapone!

Avvicinandovi all'auto pubblicitaria,

potevate scambiare i vostri buoni sconto, trovati nelle confezioni dei vari prodotti,

con detergenti vari.

     
                           
 

Dice 'o pallunaro, il venditore di palloncini.

Oggi il termine pallonaro ha, purtroppo,

un significato molto meno poetico.

     
                           
      'a canna p'e panne 'a funa p'o panaro!

E' 'o scuparo, il venditore di scope, battipanni ed altri accessori in vimini.

     
     

Il tanto agognato richiamo, annunciato da

un rullo di tamburino. Ecco il carretto!

Era il sorbettaro che rigirava la magica urna 

 tra gli sguardi impazienti dei bambini.

uagliò a'llimo'!

   
                           
     

'mericane chi fuma?

Arrivava dal banchetto delle bionde quando c'era il "libero" contrabbando.

   
                           

© 2007-2011 Testi ed immagini sono proprietą dell'autrice Gianna Caiazzo.

 Tutti i diritti riservati sull'intero contenuto di questa pagina.